Promuovere le competenze non-cognitive

In questi ultimi anni il tema delle competenze non-cognitive (non-cognitive skills) è tornato di attualità, soprattutto grazie ai lavori del Premio Nobel per l’economia James Heckman. Il prefisso “non” li configura come altre dalle competenze cognitive (alfabetico funzionale, linguistiche, matematiche, scientifiche, tecnologiche, digitali, ecc.) oggetto diretto o indiretto dei curricoli scolastici. Aspetti individuali come la coscienziosità, l’apertura mentale, il senso di efficacia, la resilienza, l’auto-determinazione, la mentalità dinamica, ecc., se sviluppati nel corso del periodo scolastico possono avere un effetto positivo sull’apprendimento, sulla scelta dei percorsi e nel completamento degli studi, sull’accesso al mondo del lavoro, sulla salute mentale e fisica, sul senso civico e la cittadinanza attiva.

Obiettivi

  • Conoscere le competenze non-cognitive e le implicazioni per l’apprendimento e i percorsi formativi degli studenti
  • Conoscere esempi di strategie e attività didattiche per la formazione a scuola delle competenze

Destinatari

Questo evento non è compatibile con il grado scolastico che hai indicato nel tuo profilo personalePrima di procedere all'iscrizione aggiorna le tue scuole in Area Personale

Docenti della scuola primaria, secondaria di I e II grado

Relatori

Maurizio Gentile

Maurizio Gentile

Professore associato di Didattica Generale e Pedagogia Speciale presso la LUMSA di Roma. Svolge e coordina attività di ricerca, empirica e teorica, sui seguenti temi: cooperative learning, scuola inclusiva, valutazione formativa, strumenti e metodi di formazione dei docenti, apprendimento e didattica, competenze non cognitive. Su questi argomenti ha al suo attivo più di 100 pubblicazioni. Parallelamente all'impegno accademico porta avanti un'intensa attività di consulenza e formazione collaborando con scuole, università istituti di ricerca, soggetti del terzo settore.

Francesco Pisanu

Francesco Pisanu

Sostituto direttore dell’Ufficio per la Valutazione delle Politiche Scolastiche presso la Provincia Autonoma di Trento, Dipartimento Istruzione e Cultura.

Programma

  • La competenza non-cognitiva e gli effetti sull’apprendimento e la qualità della vita degli studenti
  • Cinque fattori di personalità, capitale psicologico, motivazione ad apprendere: definizioni e rapporti con l’apprendimento scolastico
  • Sensibilizzare gli alunni sul significato delle competenze non-cognitive
  • Educare le competenze non-cognitive a scuola: strategie, attività, azioni, esperienze formative

Durata

3 ore in presenza  

Possibilità di organizzare il seminario in forma mista con una durata totale di 4 ore di cui 1 ora online