Il cambiamento climatico e il manifestarsi sempre più frequente di eventi estremi, lo scioglimento dei ghiacciai e l’innalzamento del livello dei mari, l’estinzione di migliaia di specie viventi: sono questi i veri problemi che interessano il futuro delle giovani generazioni. Il ritmo accelerato del consumo delle risorse naturali e i danni permanenti inferti a molte aree terrestri restringono ogni giorno lo spazio operativo sicuro per l’umanità, che deve trovare risposte convincenti per ripristinare e proteggere la natura, garantendo una sopravvivenza dignitosa ed equa per tutti.
Quali sono gli strumenti a nostra disposizione per comprendere le tendenze attuali?
Come coinvolgere i giovani, attraverso lo studio della Geografia, nella transizione verso una società sostenibile?

  • I dati scientifici più recenti sul cambiamento climatico, l’inquinamento e la perdita di biodiversità;
  • Gli accordi internazionali per il clima e lo sforzo comune per lo sviluppo sostenibile
  • L’impegno personale e collettivo per la transizione

Insegnare Geografia

Questo appuntamento fa parte di un ciclo
dedicato ai docenti di Geografia
della scuola Secondaria di Secondo grado

Questo webinar
fa parte del
Festival della formazione
dedicato ai docenti di oggi
e i cittadini di domani

Destinatari

Questo evento non è compatibile con il grado scolastico che hai indicato nel tuo profilo personalePrima di procedere all'iscrizione aggiorna le tue scuole in Area Personale

Docenti della Scuola Secondaria di II grado

Relatore

Luca Mercalli

Luca Mercalli

Climatologo, geografo, divulgatore scientifico e accademico italiano. Ha studiato meteorologia e climatologia a Torino e Ginevra, e ha conseguito un master in Geografia e scienze della montagna. Dirige l'Osservatorio Meteorologico del Real Collegio Carlo Alberto di Moncalieri ed è docente in varie università. Ha assunto la presidenza della Società meteorologica italiana e nel 1993 ha fondato la rivista Nimbus, della quale conserva la direzione. È autore di numerosi articoli e saggi divulgativi e scientifici, collabora con diversi quotidiani, tra i quali La Stampa, La Repubblica e Il Fatto Quotidiano.