Lo sviluppo di materiali intelligenti “smart materials” che permettono di ridurre l’uso della plastica e danno concretezza agli obiettivi dell’economia circolare sono uno degli esempi di come la tecnologia e l’innovazione siano di supporto per rendere il mondo sostenibile. Il principio base è quello del riutilizzo: nel settore degli imballaggi si parte da scarti alimentari o prodotti vegetali invenduti, come arance, carciofi o pomodori, nell’ambito biomedicale si parte invece da scarti dell’industria tessile. Attraverso esempi pratici dell'attività di ricerca, sarà possibile capire quali sono le strategie che si stanno testando per dare vita agli scarti vegetali prodotti dalla filiera del cibo.

Saranno affrontati i seguenti temi: 

  • Bioplastica
  • Innovazione 
  • Economia circolare.

Saranno messi a disposizione dei docenti attività didattiche legate ai temi trattati.

Verso il 2050
Le strade possibili
per un futuro sostenibile e circolare

Questo appuntamento
fa parte del ciclo di webinar gratuiti
dedicato ai docenti di ogni ordine e grado
realizzato in collaborazione con A2A.

Destinatari

Questo evento non è compatibile con il grado scolastico che hai indicato nel tuo profilo personalePrima di procedere all'iscrizione aggiorna le tue scuole in Area Personale

Docenti della Scuola primaria, Secondaria di  Primo Grado, Secondaria di Secondo Grado

Relatore

Giovanni Perotto

Giovanni Perotto

Ricercatore nel gruppo Smart Materials, dell'Istituto Italiano di Tecnologia. Ottiene il PhD in scienza ed ingegneria dei materiali nel 2008 presso l'università di Padova, in collaborazione con l'European Synchrotron Radiation Facility di Grenoble (FR). Dopo il dottorato dal 2012 al 2015 svolge attività di ricerca nel SilkLab della Tufts University di Boston (USA). Il suo principale interesse scientifico è la ricerca nel campo dei biomateriali, dove le nanoscienze e la tecnologia si integrano creando un scenario di multidisciplinarietà necessario al raggiungimento di traguardi scientifici con una reale ricaduta nella vita di tutti i giorni.

In collaborazione con